Post 4061

(Powered by Autistici/Inventati)

Per ascoltare i podcast usare Firefox

(To listen to the podcast use Firefox)

SWING A LING

08 Dicembre 2017

SWING A LING
Dj Set by GOLDEN BASS SOUND / I-TAL SOUND MILANO / SOLID VIBES REGGAE CREW

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

Parte Quarta

Parte Quinta

Parte Sesta

SWING A LING Sound System
…e solo per questa sera sarà
“OLD TIME SOMETHING COME BACK AGAIN!”
ovvero
il meglio della Reggae e della Dancehall music anni ’80/’90/’00 selezionata da Golden Bass, I-Tal Sound e Solid Vibes…
il tutto amplificato da un VERO SOUND SYSTEM AUTOCOSTRUITO!!
Ready for a real sound system experience??
Ting call SWING A LING!!SWING A LING Sound System
…e solo per questa sera sarà
“OLD TIME SOMETHING COME BACK AGAIN!”
ovvero
il meglio della Reggae e della Dancehall music anni ’80/’90/’00 selezionata da Golden Bass, I-Tal Sound e Solid Vibes…
il tutto amplificato da un VERO SOUND SYSTEM AUTOCOSTRUITO!!
Ready for a real sound system experience??
Ting call SWING A LING!!
www.facebook.com/ITalSoundMilano/
www.facebook.com/GoldenBassSound/
www.facebook.com/SolidVibes/

www.facebook.com/ITalSoundMilano/
www.facebook.com/GoldenBassSound/
www.facebook.com/SolidVibes/

Dj Pandaj

07 Dicembre 2017

Dj Pandaj

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

Parte Quarta

Parte Quinta

Dj Pandaj, producer e beatmaker di musica strumentale dal gusto elegante, spazia tra numerosi generi, dall’hip-hop al funk all’elettronica, capace di soddisfare un vasto pubblico quanto i palati più raffinati. Pioniere italiano nel proporre nei club musica di qualità ed eclettica, capace di intrattenere un pubblico trasversale alle mode del momento ed all’hip-hop più tradizionale. Produttore dal sound evoluto ha pubblicato due album Nel 2008 “Herculaneum” Record Kicks, seguito nel 2011 da “Destination Unknown” No.Mad Records, entrambi accolti da un grande successo di critica e di pubblico. Pandaj collabora con molti grandi artisti della scena musicale italiana come Saturnino, Frankie Hi-Nrg Mc, Esa, Ghemon, Roy Paci e molti altri.
Il suo sound , evoluzione tra elettronica, hip-hop e black music, lo ha portato a suonare nei migliori club italiani e londinesi, dividendo la consolle con i migliori artisti della scena mondiale, da Grand Master Flash e Mix Master Mike a Roy Ayers e George Clinton, a tutti gli artisti Ninja Tune e moltissimi altri.
Dj resident in molti noti club milanesi, Tunnel, ex Rolling Stone, Zoom Bar, attualmente resident al Vinile Milano e lavora a nuove produzioni.

LE RADICI DEL GLICINE – Storia di una casa occupata

02 Dicembre 2017

AgenziaX presenta:
Presentazione del libro: “Le radici del glicine – storia di una casa occupata” di Massimo Pirotta
Dai capelloni ai moicani. Testimonianze da una comunità ribelle sotto l’ombra dei glicini a rappresentare le radici dei movimenti sociali.

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

 

Provate a immaginare una grande casa liberata nel centro di Milano. Un’isola pirata, un concentrato di libertari, famiglie senzatetto, hippie, comunisti, femministe, cattolici del dissenso, operai riottosi, ragazzi di strada ed ex partigiani. Provate a immaginare di entrare in uno dei luoghi più tolleranti e pieni di energia di tutte le epoche. Allora capirete perché proprio in quello spazio furono ospitati i primi scatenati punk che poi daranno vita allo storico Virus.
Via Correggio 18, occupata nel 1975 e sgomberata nel 1984, era un luogo aperto, fulcro di mille incontri trasversali, una sorta di albergo per girovaghi internazionali e asilo per le battaglie sociali del periodo. Un nucleo combattivo di futura umanità in movimento, con iniziative di quartiere, una cassa comune in cui ognuno dava secondo le proprie possibilità, un’assemblea come unica sede decisionale e poi feste o spettacoli teatrali nei capannoni industriali sul retro di un palazzo lussuoso, dove una volta risiedevano i padroni dell’ex fabbrica. In questi appartamenti si era creata una dimensione confusionaria ma quasi idilliaca con una grande terrazza sormontata da meravigliose piante di glicine che riempivano di fiori le primavere degli occupanti, in cui sbocciavano amori e utopie, nascevano bimbi e si sognava un mondo migliore.
Questo libro è stato realizzato grazie alle numerose testimonianze degli ex occupanti di via Correggio 18, raccolte e sviluppate in un clima collettivo che richiama i tempi in cui quella casa rappresentava uno dei motori della produzione di flussi desideranti.

Massimo Pirotta ha collaborato con diverse testate giornalistiche. Organizzatore di rassegne interdisciplinari, nel 1994 è stato produttore artistico del disco I disertori. Omaggio a Ivano Fossati. Nel 2012 ha curato il libro Bloom. Sviluppi incontrollati. Attualmente collabora con “Il Mucchio Selvaggio” e con il sito web “Musica dal palco”.

FRANTIC

01 Dicembre 2017

FRANTIC: LIVE/ RYF Francesca Morello   DJ SET/ Ubi Broki

UBI BROKI

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

Parte Quarta

Parte Quinta

RYF

Rosa Luxemburg – La rivoluzione russa. Problemi di organizzazione della socialdemocrazia russa

25 Novembre 2017

Presentazione del libro:
Rosa luxemburg – La rivoluzione russa. Problemi di organizzazione della socialdemocrazia russa a cura di Massimo Cappitti (Biblioteca Franco Serantini, Pisa, 201)

Parte Prima

Parte Seconda

Lydia Lunch & Cypress Grove

23 Novembre 2017

Lydia Lunch & Cypress Grove

Parte Prima

Parte Seconda

Le milanesi ammazzano la domenica

19 Novembre 2017

Le milanesi ammazzano la domenica

In occasione della mostra in Conchetta, verrà esposta e messa in vendita tutta la caosmotica produzione femminista/antipatriarcale di Elisatron: le vignette di Sclero & Psyco finora pubblicate (più diversi inediti), la Godzillatron che allatta My Little Monster & I, ideata per la mostra collettiva itinerante Kaiju-ou the Monster King, e le Line Tremoline più sovversive, il personaggio apparso su Focus Junior.

Accanto a vecchi disegni di supereroine e fughe di cervelli, verrà presentato un video inedito, oltre a nuove creazioni, fotografie pulp, collage digitali, alfabeti precari, Biancanevi mozzate, graffiti di sangue, girl gang e tante altre sorprese.

Zombie guest, il celebre Mario Monicelli, risorto dalle ceneri per offrire il suo cuore per fare la rivoluzione: direttamente dall’oltretomba, lo special drink Bloody Mario, nettare di sangue purissimo al 100%.

Living guest CAZZURILLO dj cazz-set!

ELISATRON

Elisatron parla della mostra “Le milanesi ammazzano la domenica” il 22 Novemre 2017 (tratto da https://www.facebook.com/tremolinalina)

CAZZURILLO (dj cazz-set)

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

Parte Quarta

La Crisi + Acrylics + Metrocrowd

18 Novembre 2017

Cox18 / Knife Shows / Occult Punk Gang presentano: La Crisi + Acrylics + Metrocrowd

Metrocrowd

https://www.facebook.com/metrocrowd
https://myownprivaterecords.bandcamp.com/album/metro-crowd
Da Roma, in una affollata rush hour ti senti soffocare ed ecco spuntano questi loschi personaggi a farne la allucinata colonna sonora. Note fangose si muovono come stritolate dalla paranoia, ritmi incalzanti, distorsioni e urla di rabbia e godimento. Formazione All Stars della Borgata del Pigneto, a prima vista messa insieme a caso, ma a primo ascolto FATALE!

Acrylics

https://acrylics.bandcamp.com/

La Crisi

https://lacrisi.bandcamp.com/
https://www.facebook.com/pg/La-Crisi-Official-Page-127010033980449/about/?ref=page_internal

MAPUCHE

12 Novembre 2017

MAPUCHE – La solidarieta’ e’ la tenerezza dei popoli Terza

Nelle poche terre della Patagonia (tra il Cile e l’Argentina) rimaste ai
Mapuche, Benetton vuole portare il “progresso” a suon di massacri e torture
”La solidarietà è la tenerezza dei Popoli” se ne parlerà con l’USI-
AIT che di recente ha stretto un gemellaggio con la comunità Mapuche Rodrigo
Melinao e con la Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche,
gruppo di Milano.

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

 

 

 

 

MOSTRA FOTOGRAFICA

 

RUBELLA BALLET

11 Novembre 2017

RUBELLA BALLET

Parte Prima

Parte Seconda


 

Tra i gruppi più colorati ed irriverenti della scena anarco punk inglese dei primi anni ’80, i Rubella Ballet incarnano ancora oggi una rottura degli stereotipi ed in modo scanzonato la logica ‘do it yourself’ che aveva infiammato i primi punk.
“Ringraziamo Dio per i Rubella Ballet” aveva esclamato una volta Steve Ignorant dei Crass sottolineando che tra tutti “quei gruppi vestiti di nero [anarco punk, n.d.r.], erano una vera e propria boccata d’aria”, più interessati a liberare i vari sensi repressi che a proclamare slogan politici.
La storia di questa band si lega strettamente a quella dei Crass e dei Poison Girls, imprescindibili esponenti della scena anarco punk inglese. Con i Poison Girls e con i Crass hanno anche spesso condiviso il palco e l’abitazione.
Tornano oggi a Milano per la terza dopo la loro storica esibizione al Virus nei primi anni ’80 ed il loro entusiasmante concerto al Cox del 2009.